PHOTO/ TINA MODOTTI FOTOGRAFA RIVOLUZIONARIA FU MUSA E COMPAGNA DI EDWARD WESTON

Ultime due settimane per visitare la mostra “Tina Modotti. Donne, Messico e libertà” al Mudec Photo di Milano.
Tina Modotti nasce a Udine, nel quartiere di Borgo Pracchiuso, il 16 agosto del 1986  da una modesta famiglia modesta, fotografa, attivista e attrice italiana, ha lasciato un’impronta indelebile nella storia della fotografia contemporanea. I suoi celebri scatti compongono le collezioni dei più importanti musei del mondo, confermando la sua fama a livello mondiale.
Fu amica di Frida Khalo nche lei artista pittrice e compagna nonchè musa ispiratrice di Edward Weston che le dedicò scatti memorabili, ancora oggi studiati da chi vuole intraprendere la professione di fotografo nelle migliori università.

 

L’esordio della Modotti da attrice è del 1920 con il film The Tiger’s Coat,  il primo dei tre film hollywoodiani da lei interpretati, per il quale ricevette l’acclamazione del pubblico e della critica, anche in virtù del suo “fascino esotico”. Ma “il modo in cui il suo corpo e il suo viso erano stati lanciati sul mercato indusse Tina a mettere fine alla breve avventura hollywoodiana. Conosce il fotografo Edward Weston e la sua assistente Margrethe Mather.. Nel giro di un anno, Tina diviene la sua modella preferita e poi anche la sua compagna. In Messico,

Modotti e Weston entrano rapidamente in contatto con i circoli bohèmien della capitale messicana, ed usarono questi nuovi legami per creare ed espandere il loro mercato dei ritratti.

Il 1927  è l’anno dell’iscrizione al PCM e l’inizio poi della fase più intensa del suo attivismo politico, proprio come per la sua attività fotografica. Il suo impegno politico la porta a partecipare alle manifestazioni a favore di Sacco e Vanzetti.

 

In mostra a Milano saranno presenti fotografie, lettere e documenti dell’artista attivista italiana che ha lasciato un’impronta indelebile nella storia della fotografia contemporanea. I suoi celebri scatti sono il simbolo di una donna emancipata e moderna la cui arte fotografica è indissolubilmente legata al suo impegno sociale e civile tanto da farne un’icona in tutta la scena artistica mondiale e in special modo in Messico, paese che l’aveva accolta e in cui l’artista trascorse gran parte della sua vita fino a spegnersi il 5 gennaio 1942 proprio a Città del Messico.

dal 28/10/2021 al 07/11/2021

Mudec – Stecca Ex Ansaldo
Via Tortona, 56
20124 MILANO (MI)
ITALIA

Clicca sotto per chiudere la ricerca